L’altra Ibiza

 

Ma perché proprio Ibiza? Questa è la domanda che mi viene rivolta ogni volta che programmo una nuova capatina alla Isla Blanca.

Difficile credere che una meta conosciuta da sempre come la mecca del divertimento sfrenato, della trasgressione e dei locali notturni con famosi Dj non possa avere anche ben altro da offrire. Soprattutto a chi come me, superata la trentina, è alla ricerca di atmosfere ovattate, relax, mare trasparente, percorsi naturalistici e posticini dove farsi deliziare il palato e stimolare la vista.

Trovo questa terra spagnola una meta che ha veramente poco da invidiare alla bellezza della vicina Formentera, che anno dopo anno riscopro sempre meno hippy e più location da “vetrina” per chi è a caccia di vips, calciatori e mondanità.

Qui vorrei raccontarvi dell’altra identità di Ibiza, quella da scovare oltre la sua apparenza..

Partiamo dalla città, Eivissa (Ibiza in catalano), da vedere il borgo medioevale della Dalt Vila, la parte più vecchia e più alta della città, con i suoi vicoli e le sue viuzze di pietre bianche che si inerpicano tra i tanti localini e negozietti colorati. Salite a piedi fino ad arrivare in cima alla Cattedrale da dove si gode un panorama mozzafiato sulla città e sul porto che ripaga la fatica. Al tramonto è un’esperienza unica.

Eivissa Dalt Vila
Dalt Vila Eivissa

Spiagge

Cala Comte
Cala Comte

Le spiagge più belle si trovano nella zona nella sud-ovest dell’isola tra Eivissa e poco oltre il paese di Sant Antoni; esploratele specialmente al mattino e godetevi l’atmosfera rilassata di quando la città dorme ancora. In questa zona vi segnalo anche le calette più tranquille e meno frequentate come Cala Llonga, Cala Codolar e Cala d’Hort. Sono una più bella dell’altra e tutte da perlustrare perché diverse tra loro.

Cala Comte

cala Comte

Quelle che non puoi perdere e che meritano almeno una capatina sono le più famose come Cala bassa, Cala Comte, Cala Tarida e la lunga spiaggia bianca dal mare trasparente di Ses Salines. Proprio qui adoro fare aperitivo al Sa Trinxa beach bar direttamente sulla spiaggia, atmosfera easy, relax e bella musica.

sa trinxa beach bar ses salines
Sa Trinxa Ibiza

Sa trinxa ses salines ibiza

In alta stagione tutte queste spiagge sono decisamente caotiche ma basta camminare qualche decina di metri più in lá per trovare calette con poca gente (qualche nudista) e vi ritroverete circondati solo da natura e dal rumore del mare.

Come muoversi

Il consiglio è di noleggiare un’auto anche se restate pochi giorni in quanto vi lascia la libertà di esplorare in lungo e in largo e, per chi ha più tempo, di dirigersi fino a nord. Nel versante nord-est cercate la spiaggia di Agua Blanca. Una lingua di sabbia bianca a ridosso di una lunga scogliera. Unica. Parcheggiate alla pineta e scendete lungo il sentiero di sassi. Al ritorno la strada è impegnativa da risalire a piedi ma vi ricompenserá. Vi consiglio di godervela al mattino con il sole visto che il pomeriggio è completamente all’ombra.

Addentrarsi nell’entroterra di Ibiza significa entrare a contatto con una dimensione più autentica e meno costruita. La sua bellezza sta proprio nella dimensione poco influenzata dal turismo dove poter trovare paesini autentici, più pittoreschi, lontano dalla frenesia e dal caos del centro.

Fermatevi a Santa Gertrudis, un piccolo borgo con una piazzetta e qualche vietta per passeggiare, per concedervi una serata tranquilla o anche per un semplice aperitivo. Dista poco più di una decina di chilometri dal centro di Eivissa. Di giorno vale la pena passarci anche per fare un salto da Sluiz per un po’ di shopping; un negozio molto originale per curiosare tra oggettistica per la casa, abbigliamento e cibarie. Prezzi non proprio economici ma è da vedere!

Dove mangiare

Tra la miriade di ristoranti e localini del centro vi suggerisco di provare due location strepitose.

Uno è “Es Boldado” (Cami de Cala d’Hort – Sant Josef). Ristorante con cucina spagnola. È un po’ difficile da raggiungere perché situato alla fine di una lunga strada sterrata ma un tavolo sotto la loro veranda vi regalerá cena romantica con una vista emozionante sull’isola di Es Vedra.


Es Boldado Ibiza

Il secondo è “Restaurant Sa Caleta”, si trova proprio sulla omonima spiaggia ed è aperto anche per il pranzo. (Platja d’es Bol Nou – Sant Josef). Ottima qualità prezzo, buonissima la paiella e la bellissima vista sulla baia che si scorge da qui.

Dal canto mio spero di avervi incuriosito ad esplorare e conoscere in modo diverso questa stupenda isola!!

 

Silvia – Dritte on the road

 

 

 

 

2 pensieri su “L’altra Ibiza

  1. Ciao Silvia, io sono stata lo scorso giugno insieme a delle mie amiche di università. Anche noi, abbiamo preferito noleggiare un’auto a Ibiza tramite il sito http://www.tinoleggio.it e devo dire che è la soluzione ottimale. Ci siamo spostate in lungo e in largo sull’isola. Oltre alle classiche mete, anche noi siamo andate a Cala Llonga, Cala Codolar e Cala d’Hort. Tu dove hai soggiornato? Hotel, B&B o Casa Vacanza?

    1. Ciao Fede! Grazie per il commento! La prima volta sull’isola abbiamo affittato una bellissima casa (con piscina😀) a Sant Antoni, eravamo in due coppie e quindi siamo riusciti ad ammortizzare il costo. Sant Antoni non mi è piaciuta onestamente. Frequentata prevalentemente da giovani turisti tedeschi e inglesi è molto strategica per le spiagge ma meno per il centro di Eivissa. Le volte successive abbiamo soggiornato in alcuni Aparthotel vicino alla spiaggia di Figueretas! Buon rapporto qualità prezzo e comodissimi la sera anche per fare una passeggiata in centro a piedi! Poi per chi vuole stare fuori dal caos e ha noleggiato l’auto ci sono delle soluzioni B&b o Finca per tutti i gusti e tutte le tasche!

Rispondi